Contenuto principale

UNA BIRRA ALLA VOLTA: MURPHY'S IRISH STOUT

MURPHY’S: la nuova ‘regina’ delle Stout?

 Non ci vuole molto, anche per i più accaniti sostenitori della ‘imperiale’ e dominatrice Guinness, ammettere che la MURPHY’S è una Irish Stout di tutto rispetto, facendosi intrigante nella versione ‘DRAUGHT’.

Chiariamo per i meno preparati che ‘Beer Draugth’ significa ‘birra spillata alla botte’.

La MURPHY’S, reclamizza giustamente il fatto che nella bottiglia o lattina viene inserita una ‘innocente’ ma positiva capsula di carboazoto che favorisce il fenomeno del Draught-Flow. Se la Guinness è storicamente la più famosa Stout del mondo, ci sono nuovi adepti che a questa preferiscono la Murphys Irish Stout Draugth.

E’ decisamente una questione di gusto, oggettiva naturalmente, visto che anche la Guinness adotta il sistema a capsula di carboazoto e ha in comune alcune risposte sensoriali.
D’altronde la seconda fabbrica irlandese di birra è la James J. Murphy & Company Ltd, fondata nel 1856, a Lady’s Well Cork, dai fratelli James, William, Jerome e Francis Murphy che iniziarono a produrre una Porter per poi passare alla Stout.
Nel 1975 la Murphy ha firmato la concessione di licenza con la Heineken, per produrre la birra per il mercato irlandese.


Nel 1983 la Heineken acquistò l’azienda e si attivò per rilanciare nel mondo l’immagine della Murphy’s Irish Stout, che oggi ha molti estimatori, specie tra i più esigenti e preparati degustatori di birra nello stile Stout.

 SCHEDA SENSORIALE della MURPHY’S IRISH STOUT

Si tratta di una ‘specialità, dal punto di vista commerciale, prodotta nello stile STOUT.
Ha aspetto limpido e colore scuro.

Schiuma accentuata, fine e cremosa, esaltata dall’effetto del carboazoto.

La risposta olfattiva è decisamente intensa, intrigante e coinvolgente.
Al palato il grado del frizzante risulta moderato.

Leggera di corpo, e moderata gradazione alcolica (4 gradi), ma con evidente amaritudine.
Come in tutte le Stout che hanno carattere, si avverte il livello avanzato della tostatura fino a rasentare il piacevole ‘bruciato’.
Una birra di grande personalità, che oltre per la particolare schiuma agevolata dal sistema Draugth, Murphy’s, è apprezzata per alcuni suoi risvolti aromatici nei quali lo speziato si fa più evidente.
Ricapitolando: schiuma, persistenza, finezza e intensità olfattiva, oltre all’equilibrio gustativo sono i plus che la rendono importante e ricercata, dagli intenditori...s’intende.