Contenuto principale

UNA BIRRA ALLA VOLTA: CONOSCERLA PER APPREZZARLA

Di birra in birra, una cavalcata nel tempo alla ricerca della ‘birra perduta’

Non crediate (o non crediamo) di saperla tutta, a proposito di birre e soprattutto sull’Universo Birra, nel senso della sua storia, delle produzioni nelle varie culture birrarie, e le disponibilità o le proposte nel variegato mondo dei locali, tra consumatori distratti, e quelli che credono di conoscere ogni recondito segreto di questa che riteniamo la più affascinante ed intrigante bevanda.

Soprattutto in questi ultimi decenni la birra sta conoscendo un successo sotto tutti i meridiani e paralleli, confermando la sua penetrazione nelle varie culture.Ma quante sono la aziende che producono o che detengono il monopolio, più o meno assoluto della commercializzazione in esclusiva mondiale o limitatamente a stati o regioni di questi?

Sono predominanti, su tutti, e tutto, alcune realtà (poco meno di una decina) che detengono il potere assoluto, con le mani in pasta o meglio, nel malto, e senza più la disputa sull’uso di uno dei due lieviti: il Saccharomyces Cerevisiae, o il Saccharomyces Calsbergensis.

Esistono migliaia di etichette, marche e sottomarche, e all’interno di queste più referenze, che si distinguono spesso tra loro per una diversa categoria commerciale o legale, per stile produttivo, per la fermentazione alla quale è stata sottoposta, e per il colore, oltre che naturalmente per la gradazione alcolica e per il formato o contenuto in cl.

Potrebbe capitare, valga come esempio, di vedere in giro per il mondo più referenze o etichette della Asahi, prodotte sia dalla casa madre giapponese la Asahi Breweries specializzata dal 1949 per le sue lager, o prodotte su licenza in vari paesi di quattro continenti.

Vi presenteremo in questa rubrica, un po’ alla volta, le birre scelte tra quelle note e meno note ed anche qualche rarità.
Iniziamo con due birre: la tedesca KROMBACHER PILS e la belga LEFFE BRUNE 6 BRUIN
Della prima diamo anche informazioni commerciali della casa produttrice, della LEFFE ci limitiamo alla scheda sensoriale e ad un piccolo cenno sull’Abbazia omonima.

Scheda sensoriale KROMBACHER PILS
Si tratta di una birra ‘PREMIUM’, elaborata nello stile ‘PILS’, ottenuta a bassa fermentazione. Nell’aspetto si presenta brillante, con colore chiaro, leggermente dorato, e una schiuma fine e persistente.
All’olfatto risulta una risposta tenue, ma decisamente gradevole. Al palato si presenta delicatamente frizzante, e con un perfetto equilibrio dell’insieme. Ha corpo rotondo, mentre, nonostante sia una PILS come dichiarato in etichetta, non eccelle nella presunta amaritudine che risulta leggera, pur se in perfetto equilibrio rispetto al gusto del malto.
Decisamente positiva per quanto riguarda la schiuma, l’aspetto in generale, e la persistenza olfattiva. Gradazione Alcolica 4,8

Alcune notizie dalla Krombacher Brauerei Schadeberg GmbH & Co
Con una produzione di 4,730 milioni di ettolitri la Krombacher Pils ha potuto consolidare ulteriormente la sua posizione leader fra le marche di birra vendute in Germania. La crescita del fatturato, contrariamente al calo delle vendite, sottolinea nuovamente la politica di mercato dell'azienda, orientata all'adeguato contenimento del prezzo.
Posizione di mercato consolidata anche nella birra alla spina. I cali delle vendite nelle gestioni già esistenti sono state compensate dall'entrata sul mercato di oltre 1000 nuove attività gastronomiche, le quali, negli ultimi tempi, hanno portato alle loro "spine" la Krombacher Pils.
Le esportazioni della Krombacher Pils si sono sviluppate in modo positivo, soprattutto nei più importanti paesi d’importazione come la Spagna, l’Italia e la Grecia. Le vendite all'estero sono aumentate dell'11%, ovvero di 10.000 ettolitri. La Krombacher Pils si produce nella Vestfalia, cioè nella parte occidentale della Germania. Una regione che entusiasma ed invita ogni visitatore sempre a ritornare, con le sue valli solcate da fiumi ricchi d'acqua, boschi coperti di verde ed immensi e bellissimi paesaggi.
Al centro di questa stupenda natura ancora vergine, situata ai piedi dei monti del Rothaar, si trova l'idillica cittadina di Krombach. Solo qui nasce l'acqua sorgiva di montagna rocciosa, con la quale si produce la Krombacher Pils.

DAL BELGIO CON ...RELIGIOSITÀ’ ABBAZIALE

 'LEFFE BRUNE - 6 - BRUIN'
Si tratta di una SPECIALITÀ’, una DOPPIO MALTO elaborata nello stile ABBAZIA, ottenuta con alta fermentazione. All’aspetto si presenta brillante, di colore scuro, con il classico ‘tonaca di frate’, e lucide nuance di riflesso. La schiuma risulta compatta, persistente, e con particolare aderenza. Al palato ha una elevata intensità, con un fine gusto speziato, e con sentori di caramello. Scarso il frizzante, ma in buona struttura. Decisamente scarsa l’amaritudine, mentre nel suo insieme si presenta in un perfetto equilibrio gustativo. Si tratta di una birra tutta ‘speciale, nella quale, oltre all’intensità retro olfattiva, si evidenzia il gusto speziato.
Gradazione alcolica 6,5.

ALCUNE COSE DA SAPERE SULL’ABBAZIA DI LEFFE

L'Abbazia di Leffe, vicino a Dinant, sulle rive della Mosella, fu eretta nel 1152 dall'ordine religioso Premonstratense, fondato nel 1120 da San Norberto, a Prémontré presso Laon.
Negli archivi storici, i primi cenni alla produzione di birra in quel luogo si riferiscono al 1240, quando l’Abate di Leffe, acquistò una fabbrica da Gosuin, un clerico di Dinant.
Dal 1954, la St. Guibert Brewery di Mont St. Guibert, produce cinque referenze di birre, elaborate secondo i metodi dell'abbazia: Leffe Blonde, Radieuse, Triple, Brune e Vieille Cuvée. La St. Guibert produce anche la Vieux Temps Amber.